STORIA, SCIENZA E CONOSCENZA DELLA MEDICINA QUANTISTICA

Strumenti speciali, capaci di comunicare con le cellule

1) STORIA, SCIENZA E CONOSCENZA DELLA MEDICINA QUANTISTICA.

La Medicina quantistica. Cos'è e come funziona;

Origini e storia. L'inventore;

La connessione quantica;

Esperimenti recenti;

Dati raccapriccianti;

La medicina vibrazionale;

Un “baco” nel programma;

Il biofeedback (la retroazione biologica);

La biorisonanza;

L'elettroagopuntura;

Valutazione biologica e terapia spaziale;

L'analisi bioelettica trivettoriale;

Quali i campi di utilizzo;

Medicine a confronto;

L'ostinazione dell'establishment a cambiare;

Perché gli Scienziati non lavorano su approcci innovativi dimostrati?;

La crepa nella conoscenza;

Diffusione della Medicina quantistica;

Premi Nobel legati alla medicina energetica;

Leggi l’articolo: “La Medicina Quantica”;

Bibliografia consigliata;

Siti consigliati;

 

2) IN DETTAGLIO CON QUALE STRUMENTAZIONE E COME SI LAVORA

L'apparecchiatura del Centro: Gioia Bertha;

Perché GioiaBertha®;

GioiaBertha®: strumento di prevenzione a doppio senso;

Come avviene il Test: il Check Up quantistico. I° Fase: la diagnosi olistica;

Il riequilibrio energetico: II° fase;

Come lavora e cosa individua;

Patologie in esame;

Trattamenti;

L’esempio come caso;

Tempistica e benefici;

A chi è consigliato il Test;

A chi è sconsigliato il Test;

La terapeuta Luigina Bernardi raccomanda: eseguire con regolarità il tagliando biologico;

Guarda il Video: “Le frequenze del benessere”;

 

3) L’OPERATORE QUANTISTICO

Curriculum vitae, studi di ricerca e approfondimenti professionali;

Prenota il tuo Test: dove, come e quando;

L’associazione Progetto Benessere;

Info e contatti;

Indicazioni stradali.

LA MEDICINA QUANTISTICA. Cos'è e come funziona.

Per intraprendere una spiegazione più puntuale e nello stesso tempo rivelatrice della materia ci serviamo di una testimonianza di un’intervista rilasciata nel 2005 dal massimo esperto del settore, il Prof. Piergiorgio Spaggiari, alla giornalista Claudia Bortolato, dal titolo: “Esercizi di energia quantistica. Strumenti speciali, capaci di comunicare con le cellule” è illuminante per capire come funziona la Medicina quantistica.

Ma prima occorre fare una premessa ove il prof. Spaggiari spiega che:

<<Il benessere .(.). è' una questione di oscillazioni elettromagnetiche “ordinate”. Esiste un codice di riconoscimento tra le biomolecole, come quello accertato, tra basi del DNA e aminoacidi, che implica l'esistenza di un livello elettromagnetico della materia vivente che dialoga con il livello chimico, assicurando che il traffico delle molecole sia ben ordinato. Se questo “traffico” è armonico, ordinato per l'appunto, l'organismo è in salute. Al contrario, la malattia “nasce” all'origine, e può essere rilevata, come un disturbo della rete elettromagnetica di controllo del traffico molecolare e solo allo stadio finale, quando si manifesta con tutta la sua sequela di sintomi, dolori, diventa un'anomalia della struttura molecolare del corpo.>>

(Intervista di Claudia Bortolato al Prof. Piergiorgio Spaggiari, “Esercizi di energia quantistica.”, articolo tratto dalla rivista scientifica Forma, a. 2005, p. 190)

Dunque, prosegue il Prof. Spaggiari, <<L'organismo si mantiene in equilibrio dinamico grazie ai messaggi che le cellule si scambiano costantemente tra loro sotto forma di segnali elettromagnetici estremamente deboli, a frequenza definita. “E' proprio di queste energie infinitamente piccole, che si occupa la medicina quantistica, forse la più futuristica tra le medicine complementari”, spiega il professor Piergiorgio Spaggiari, fisico e medico chirurgo, Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera della Valtellina. La medicina quantistica così come la medicina bioenergetica, considera l'organismo alla stregua di un sistema risonante. “Attraverso speciali strumenti diagnostici e terapeutici, si possono produrre variazioni quantiche di energia così sensibili da interagire con le “energie sottili” del corpo, al fine di ripristinare l'equilibrio e lo stato di benessere”. Con gli strumenti di medicina quantistica più avanzati è possibile rilevare i livelli di energia degli organi e lo stato di salute complessiva dell'organismo e, contemporaneamente, correggere eventuali anomalie energetiche riscontrate per impedire così, per quanto possibile, che la malattia possa successivamente manifestarsi a livello fisico-chimico. Ovviamente, sia in fase diagnostica, sia terapeutica, sopratutto in caso di malattie di una certa entità, questi strumenti non sostituiscono ma integrano eventuali test e cure farmacologiche convenzionali.>>

Nel citare le diverse tipologie di strumentazioni immesse nel mercato, si sofferma a spiegarne le caratteristiche di tre tipologie. In particolare intendiamo portare all'attenzione la conoscenza delle esperienze che oramai da circa 7 anni portiamo con enormi risultati presso il nostro centro. L'apparecchiatura è denominata scientificamente con l'acronimo SCIO.

<<QXCI/SCIO. In fase diagnostica questo strumento è in grado di esaminare cause, effetti, correlazioni tra sistemi, organi, apparati e risposta biologica. Il Qxci/Scio esegue terapie elettromagnetiche, di biorisonanza ed emette impulsi capaci di riprodurre virtualmente trattamenti di fiori di Bach, agopuntura e omeopatici. Si consigliano dalle 2 alle 6 sedute.>> (op. cit., 2005, p. 190)

Ancora da altre fonti possiamo dire che: <<Nella materia vivente le molecole si muovono ed agiscono secondo modelli ben definiti, si collegano tra di loro e reagiscono chimicamente attraverso campi elettromagnetici.

Esiste inoltre un livello elettromagnetico della materia che dialoga con quello chimico.

Le patologie che secondo la visione classica della medicina occidentale, appaiono come un’anomalia della struttura molecolare del corpo rimanderebbero invece ad un disturbo della rete di trasmissione elettromagnetica che controlla il movimento molecolare.

Il concetto di energia vitale è tradizionalmente legato alla cultura orientale ma è anche legato alla fisica moderna, Planck scoprì i quanti, studiò la dualità onda-particella, Einstein con la sua teoria indicò l’equivalenza tra energia e massa ma fino ad oggi la nostra medicina si è basata sulla chimica e i suoi meccanismi, rispondendo con terapie farmacologiche che agiscono appunto sui meccanismi chimici, ma grazie a queste scoperte e apparecchiature si sta iniziando a ragionare anche sui meccanismi biofisici, ipotizzando terapie di cura e prevenzione dinamiche-energetiche.

Si profila dunque un recupero di una saggezza millenaria (quella tradizionale orientale), in una visione olistica attraverso una spiegazione scientifica di fenomeni che fino a pochi anni fa venivano considerati inspiegabili, basta pensare all'agopuntura cinese, riconosciuta ormai anche in Italia dal ministero.>>

ORIGINE E STORIA. L'INVENTORE.

Il dottor William Nelson è l'inventore del Quantum Coscienza Xeroid Interface QXCI/SCIO (leggasi “quinsciscio”).

Diciamo subito che il prof. dr. William (Bill) Nelson è stato nominato come premio Nobel per la medicina per la ricerca e il contributo scientifico nel settore della medicina alternativa.

È nato nel 1951 a Warren, Ohio, USA. Il professor William Nelson è scienziato di fama mondiale, il membro del Congresso internazionale e rispettato scrittore, inventore della EPXR (Electro fisiologica frequenza Xroid), oggi QXCI/SCIO, che costituiscono il sistema di diagnostico e terapia biofeedback, più avanzato del mondo. Egli è l'autore di 12 libri e oltre 200 articoli con tematiche homeopaticas, quantum biologia ed electroacupunctura. Ha iniziato la sua carriera come un matematico e fisico alla NASA, nel progetto APOLLO 13, che è stata attivamente coinvolta nel determinare la traiettoria che garantiva il ritorno sicuro della prima spedizione sulla luna (programma spaziale apollo).

Il professor Bill Nelson ha una laurea in biologia, fisica quantistica e della medicina, rispettivamente, dalle Università di Wisconsi, Youngstown State University e International Medical University e un dottorato in psicologia da South Eastern University.

Grazie agli studi condotti dai fisici della NASA, è stato ideato un sistema analogico di analisi che rende possibile individuare, sfruttando i principi della fisica quantistica, qualunque condizione di un soggetto attraverso i cambiamenti nelle caratteristiche d’onda degli organi, delle sue cellule, etc.

Il Check-up quantistico nasce come mezzo per l'uso esclusivo militare. Era infatti utilizzato dall’Astronautica per fare diagnosi e cura agli astronauti dalla terra allo spazio.

Ora quella che sembra fantascienza è una fantastica realtà a portata di tutti.

Un avvenimento molto importante porterà la sua genialità a condurlo nel campo della medicina e della salute dopo la nascita del suo primogenito, un figlio. Suo figlio nasce autistico, a causa di un farmaco anti-nausea che sua moglie prendeva durante la gravidanza. Dopo aver divorato le informazioni offerte dal mondo medico, si rivolge alla medicina alternativa. Con rimedi naturali, egli è riuscito a invertire molti dei sintomi dell'autismo di suo figlio.

Durante le sue ricerche, era incuriosito da un certo numero di bio-dispositivi elettrici utilizzati in Germania, la macchina Vega, il Voll, e l'unità Mora, così come il biofeedback e la stimolazione elettrica del cranio (CES), unità negli Stati Uniti. Queste unità permettono di misurare la risposta elettrica del corpo per aiutare a diagnosticare i problemi e emettono frequenze per trattare il problema. Inizia studiando i sistemi energetici del corpo sottile i meridiani dell'agopuntura, l'energia dei chakra, la Kinesiologia applicata o il test muscolare, ecc. Scoprendo che il sistema energetico del corpo sottile è un sistema di preallarme, gli squilibri energetici sottili del corpo appaiono molto prima di quanto i sintomi della malattia.

Bill Nelson decide di applicate il suo genio per la progettazione di un sistema all-inclusive un sistema computerizzato per entrambe le prove (valutare il disequilibrio e riportare l'equilibrio) a livello di energia sottile. Il QXCI (Quantum Xxriod Cosciente Interface) è nato.

Per sviluppare questo sistema, Bill Nelson ha integrato le scienze della matematica, la fisica quantistica, l'elettronica, la naturopatia, l'omeopatia, la chiropratica, medicina energetica e di programmazione per computer. Egli ha inoltre integrato la sua conoscenza di temi metafisici per portare una straordinaria prospettiva sinergica di guarigione naturale. Ha studiato l'omeopatia, la naturopatia, la scienza, economia, informatica e diritto internazionale. Ha anche imparato le difficoltà di creare il software per integrare le modalità di guarigione, molte che ha programmato nel sistema Qxci. La sua conoscenza unica delle materie esoteriche come la dinamica frattale, teoria sottospazio, un sistema a tre vettoriale e più ha reso questo sistema energetico Feedback possibile.

LA CONNESSIONE QUANTICA.

Nel 1993, David Bohm propose la Teoria del Super Quanto (o del potenziale quantico “Q”), ipotizzando un’energia invisibile, che ha sede in una dimensione al di fuori dello spazio-tempo, che pilota ogni particella nell’universo. Questi Q stabiliscono delle connessioni non-locali, ossia ogni particella è in costante istantaneo contatto con ogni altra nell’intero universo.

ESPERIMENTI RECENTI.

Nel 1993, sotto la direzione, nientepòpòdimenoché, del Comando Sicurezza ed Intelligence dell’Esercito degli Stati Uniti, dei leucociti vennero raschiati dalla guancia di dei volontari che poi vennero sottoposti ad una sonda di un poligrafo. Il donatore venne messo in un’altra sala dove esso venne esposto a delle scene di violenza ed il poligrafo, nella stanza dove stavano i leucociti raschiati, rilevò lo stato emotivo del volontario benché non più nel corpo di esso. Venne ripetuto con le cellule a 80Km di distanza due giorni dopo il prelievo. Le cellule si comportarono allo stesso modo. Nel 1994 si eseguì l’esperimento Einstein, Padowski, Rosen. Questa pietra miliare venne chiamata “Il paradosso nel cervello: Potenziale trasferito.” In questo esperimento due estranei si conobbero per qualche minuto. Vennero separati e messi in due gabbie di Faraday per schermare eventuali trasmissioni elettromagnetiche, distanti all’inizio, circa 15m l’un l’altra. Ad entrambi vennero collegate delle sonde neurologiche. Una torcia venne puntato sull’occhio di uno dei soggetti per aumentarne l’attività neurologica. Allo stesso istante, anche nell’altro soggetto si rivelò la medesima attività neurologica benché non in comunicazione, apparentemente, col primo. Venne ripetuto l’esperimento a distanze diverse con gli stessi risultati. La conclusione era che l’informazione venne trasmessa istantaneamente indipendentemente dalla distanza.

DATI RACCAPRICCIANTI.

Nel 1993 solo negli Stati Uniti morì l’equivalente delle vittime di 24 “Big Boy” sopra Hiroshima a causa di cardiopatie o tumori. Si moriva meno nell’86 paradossalmente! O è davvero paradossale? Con tutti questi morti la guerra va fatta a queste malattie non ai poveri disgraziati che hanno la sfortuna di vivere dove si coltiva l’oppio o dove si estrae il petrolio, ritengo. Tu cosa ne dici?

LA MEDICINA VIBRAZIONALE.

La medicina vibrazionale comprende:

l’agopuntura,

l’omeopatia,

la floriterapia di Bach,

la medicina tradizionale cinese,

i rimedi ortomolecolari

la NEI,

il Rei Ki,

l’omotossicologia,

la chiropratica,

il Tai Ch’i,

le terapie dei chakra,

la medicina quantistica,

ecc. (una lista sterminata!)

La medicina quantistica, come altre forme di medicina vibrazionale, ha lo scopo proprio di determinare degli squilibri nei campi elettromagnetici e sottili, che tenta di correggere prima che si arrivi a dei disturbi metabolici o strutturali troppo importanti. Il corpo è pieno di elettricità, il solo cuore ne genera circa 1,5W di media durante la vita. Il campo elettromagnetico generato da queste correnti va oltre la cute e si possono misurare con degli strumenti come la nostra SCIO, che abbiamo battezzata Gioia Berta. Anche le foto Kirlian le rilevano e molti operatori vibrazionali le sentono. La medicina tradizionale cinese descrive il flusso di energie sottili (Qi) attraverso 12 canali nel corpo che chiamano meridiani che sono associate coi nostri organi e sistemi interni, ma anche con la dentatura, le emozioni, l’apparato locomotorio, i chakra. Se i cinesi sono un miliardo e trecentomilioni ci sarà pure un motivo! Dicono:

Se il flusso di energia nei meridiani si blocca, la malattia segue.

Il flusso può essere sbloccato con la stimolazione dei punti con degli aghi, le dita e, naturalmente, con dei campi elettromagnetici.

UN “BACO” NEL PROGRAMMA:

Nel campo della medicina quantistica, qualsiasi disagio fisico od emotivo, può essere definito come un disturbo all’interno del campo informazionale, come quando Windows vi mostra quella bella “schermata blu della morte” e perdi tutto il lavoro di una giornata, magari o s’inchioda un programma e non riuscite più a fare nulla se non terminarlo a malincuore. Quello è un baco, un disturbo nel campo informazionale (programma) del sistema operativo (analogo al nostro sistema nervoso autonomo) del PC. Una “patologia” della programmazione. Anche noi, con i nostri pensieri fallaci, scriviamo questi strafalcioni nel nostro sistema operativo mentale, così una volta tanto, a seguito di una certa condizione, salta fuori il nostro baco. Solitamente a causa di un trauma anche piccolo, che sappiamo ha avuto effetto perché cambia il modo in cui respiriamo. A livello emotivo si presenta come ansia o fobia o depressione o qualcos’altro di simile, a livello fisico si presenta come dolore, pesantezza, e purtroppo anche come malfunzionamenti che non riusciamo neanche rilevare, ma che lavorano nel sottobosco per farci star male. Questi campi informazionali sono una forza creativa ed attiva, intimamente coinvolti nella forma e la manifestazione del proprio stato di salute. Quando esaminiamo lo stato di salute del corpo attraverso il punto di vista del corpo energetico, possiamo rilevare e correggere in campi disturbati che si manifestano poi fisicamente.

Questo si fa anche con:

le onde scalari, scoperte dal fisico Nikola Tesla, onde di pressione elettromagnetica molto diverse dalle onde radio ma prodotte con tecnologia similare;

per il sistema endocrino, la terapia trivettoriale che è un’elaborazione del concetto di Lakhovsky per i campi energetici;

la biorisonanza, secondo Lakhovsky, Rife e Clark, per riequilibrare le cellule e per distruggere i patogeni. (La giusta frequenza distrugge anche se tenuta a lungo e amplificato, basta vedere i filmati della Maria Callas o la Ella Fitzgerald che disfano i bicchieri di cristallo con la sola voce, e lo studio in corrente continua per rimettere in sesto il campo elettrico del corpo. Può interessare che oltre a Tesla, Lakhovsky, Rife e Crane, anche Alessandro Meucci, Guglielmo Marconi, ed il povero ed amato Pier Luigi Ighina hanno prodotto macchine “miracolose” che non vennero divulgate ma usate lo stesso con grande successo.

Pensate, il telefono nasce da un’invenzione elettromedicale di Meucci per lenire i dolori, dove veniva messo in bocca un elettrodo di rame e si teneva in mano un altro, poi uno identico, nella sua bocca, collegato al primo con cavo elettrico così poteva dosare la corrente curativa in modo corretto. Una volta un paziente gridò mentre stava tarando l’aggeggio, e lui sentì la sua voce nella sua testa, non attraverso le orecchie: questo lo chiamò il “teletrofono”, il primissimo prototipo del telefono quando Bell aveva 2 anni! E non usava né microfoni né altoparlanti, solo elettrodi!

Un certo Patrick Flanagan scoprì per sbaglio lo stesso principio negli anni ‘50, che fa sentire attraverso la cute, e non le orecchie, e quindi i sordi totali possono ora sentire con il suo “Neurophone”.

Alcune protesi dentali degli anni ‘60 fatti con materiali ora considerati scadenti facevano impazzire i loro portatori perché facevano da riceventi radio e sentivano tutte le radio locali in simultanea ogni volta che se le mettevano.

IL BIOFEEDBACK (LA RETROAZIONE BIOLOGICA).

È ormai una terapia accettata fin dagli anni ‘70, ci dimostra che il pensiero è difatti molto potente.

Solo pensando ad una spiaggia calda e sabbiosa ci si può cambiare la resistenza elettrica cutanea ed aumentare la temperatura delle dita, senza pensare a cosa possono fare i fachiri.

Ci sono persino dei programmi in commercio per dimagrire, smettere di fumare, aumentare la massa muscolare e pure aumentare il seno, tutto col pensiero!

Il biofeedback viene usato nella riabilitazione dei paraplegici imparando a controllare gli impulsi nervosi delle fibre muscolari.

Quindi perché non ci concentriamo nella modifica dei nostri pensieri ed altre energie sottili per guarirci ancora prima che la malattia si manifesti così tanto da pensare che la chirurgia e la farmacoterapia siano gli unici modi per combatterla? Perché non stroncarla sul nascere?

Una delle funzioni del biofeedback è di imparare come controllare dei parametri fisiologici inconsci (la respirazione, la pressione arteriosa, la tensione muscolare, il tasso cardiaco) osservando le risposte bioelettroniche del corpo e poi come modificarle nella direzione desiderata consciamente. Il biofeedback utilizza misurazioni elettriche e spesso termiche della cute oppure dell’attività elettrica interna come fanno:

l’elettrocardiogramma,

l’elettroencefalogramma,

la elettromiogramma, e

il poligrafo.

Questi strumenti pur validissimi, mancano la parte educativa dei sistemi biofeedback tuttavia. Spesso vengono usati assieme ai strumenti di biofeedback. Nella medicina quantistica si usano gli stessi parametri.

LA BIORISONANZA.

Prof. Georges Lakhovsky nel 1926 ipotizzò che le cellule, i tessuti e gli organi funzionassero come dei piccoli radioriceventi che risuonano come un diapason alle onde elettromagnetiche della loro frequenza di risonanza.

Se le cellule sono malate, allora la loro frequenza “stona” ed ecco il metodo diagnostico.

Per metterli in sesto basta inondare queste cellule con la frequenza giusta per obbligarle a vibrare alla frequenza “sana” per un determinato periodo fino a quando non lo facciano spontaneamente, come dare una spinta per far partire un’auto.

L'ELETTROAGOPUNTURA.

Il primo dispositivo commerciale di questo tipo fu prodotto da un medico di nome Reinhold Voll. Il Dr. Voll ed i suoi collaboratori scoprirono che la conducibilità (l’inverso della resistenza) elettrica aumenta notevolmente attorno ai punti di agopuntura, ed ogni punto ha un valore normale costante nelle persone sane.

Una conduttanza inferiore del normale indicava infiammazione od irritazione dell’organo relativo;

Una conduttanza superiore del normale indicava degenerazione od affaticamento dell’organo relativo.

Questa tecnica venne chiamata Electroacupuncture According to Voll, EAV, e sta alla base di ogni dispositivo di elettroagopuntura biofeedback odierno. Lo stesso Voll scopri che se un paziente teneva in mano delle fiale contenenti soluzioni omeopatiche di vari agenti patogeni, il valore di conduttanza tornava al normale quando il paziente teneva in mano la soluzione dell’agente corrispondente alla sua malattia, sul principio della terapia omeopatica, che il simile cura il simile.

Il Dermatron, la macchina di Voll, non serve solo per fare diagnosi ma anche per determinare le intolleranze alimentari e la presenza di tossine chimiche, oltre ai rimedi corretti per risolvere il problema rilevato. L’unico limite è che per fare questo bisogna testare una bella percentuale dei 2000 punti sul corpo ed è parecchio lungo, quindi lo sviluppo di macchine più rapide. Il VEGA test, sviluppato dal Dr. Helmut Schimmel, differisce dall’EAV perché il rimedio omeopatico viene posta nella macchina, anziché misurare tutti i punti direttamente. Il paziente tiene in mano un elettrodo di ottone nella mano destra e l’operatore mette il puntale su un punto del piede sinistro. Le reazioni poi si leggono semplicemente scambiando le fiale nella macchina. Dispositivi come EAV, VEGA e MORA sono usati largamente in Europa centrale, orientale e settentrionale e in Giappone. Infatti in Russia e l’Europa orientale, c’è uno sviluppo avanzatissimo nei dispositivi di elettroagopuntura e di biofeedback.

I cosmonauti si fanno diagnosi e terapia con dei dispositivi di questo genere, anche per limitare il peso dei farmaci a bordo! Nel 1984 il Prof. Zagriadskij con 400 ricercatori assieme al cosmonauta Dr. Valery Poliakov incominciarono una ricerca di circa 10 anni per sviluppare un sistema simile per la diagnosi computerizzata e monitoraggio e controllo della salute dei cosmonauti nelle missioni lunghe. Fù lo stesso Poliakov, con l’ausilio di questo sistema, che lo ha portato al record di 438 giorni sulla stazione spaziale MIR compiuto il 23/03/1995

Le terapie quantistiche sono volte a correggere i disturbi energetici per far sì che il corpo e la mente guariscano da sé, e rapidamente.

Perciò i meridiani hanno un ruolo importante nella medicina vibrazionale, quanto il biofeedback.

VALUTAZIONE BIOLOGICA E TERAPIA SPAZIALE.

Oltre che dalla Russia e la Germania, ci sono degli strumenti quantistici di biofeedback e biorisonanza ungheresi, britannici ed americani. Vengono usati anche per:

determinare delle allergie e sensibilità alimentari;

dare lo status nutrizionale vitaminico, minerale e amino acido;

rilevare debolezze negli organi e sistemi del paziente in maniera precoce, e persino

rilevare lo stato emotivo ed la natura dei suoi traumi emotivi.

Inoltre possono trattare in loco molte condizioni e possono aiutare a liberare il flusso energetico nei meridiani, stimolare dei punti precisi su di essi e fornire centinaia di rimedi omeopatici in forma vibrazionale oltre che i fiori di Bach, direttamente. Alcuni dispositivi possono rilasciare la tensione muscolare, neutralizzare le infezioni, e sbloccare dei blocchi funzionali nella colonna vertebrale. La capacità di correggere gli squilibri si basa sulla ricerca del Dr. Hans Selye sul fenomeno dell’adattamento allo stress. Egli scoprì che il corpo reagisce con una reazione “lotta o fuggi” se esposto a stress per un tempo breve, mentre invocherà la risposta adattativa se esposto allo stimolo stressante a lungo. Molti sistemi di seconda generazione utilizzano questo principio misurando prima la risonanza elettromagnetica ai campi vibrazionali di migliaia di rimedi omeopatici per meno di un decimo di secondo, e poi la reattività del corpo viene valutata da un programma molto complesso che produce un rapporto dettagliato sullo stato di salute del paziente.

Le reattività anormali rilevate possono essere, in molti casi, trattati in loco applicando la stessa frequenza del rimedio omeopatico rilevato per qualche minuto, quindi sollecitando la risposta adattativa, così inducendo il corpo a risolvere da sé il problema riequilibrandosi. Alcuni dispositivi possono anche elaborare i segnali del cuore e del cervello e fornire informazioni sul sistema endocrino, digerente, ed immunitario.

I sistemi di medicina quantistica sono compatibili con ogni forma di cura, chi non vuole usarla esclusivamente può abbinarla persino alla medicina cosiddetta “ufficiale” ed ottenere una guarigione più rapida con una riduzione degli effetti indesiderati dei farmaci.

I campi di probabilità quantica sono il dominio intermedio tra la coscienza e la realtà manifesta. È la spiegazione fisica della massima “mens sana in corpore sano”. Carlo Rubbia dimostrò che la materia è circa un miliardesimo del cosmo manifesto, il resto è fenomenologia informazionale, interattiva, campi quantici e risonanza!

L’elettrocardiogramma, l’elettroencefalogramma, l’elettromiogramma, il poligrafo funzionano come sistemi quantistici rudimentali. La risonanza magnetica, la PET e l’ecografia, funzionano per risonanza. La litoripsia spacca le i calcoli renali come la Callas frantumava i bicchieri!

ANALISI BIOELETTRICA TRIVETTORIALE.

La storia della medicina alternativa è stata dominata, fino alla comparsa dello Scio, da apparecchiature di scuola tedesca che misuravano soltanto la resistenza del nostro corpo, dei nostri organi. Spesso i risultati dipendevano dall'operatore, che utilizzava per le sue misurazioni, i punti di agopuntura cinese. Egli poteva influenzare questi risultati secondo la velocità (o la pressione nell'applicazione del puntale). Inoltre queste apparecchiature mostravano ormai il limite della misurazione statica della sola resistenza.

Il corpo è molto più complesso e dinamico e i fattori elettrici includono voltaggio, amperaggio, capacità, induttanza, frequenza e molto altro ancora.

Le basi della moderna elettrofisiologia sono da ricercarsi nel voltaggio, amperaggio e resistenza: i primi due valori possono essere effettivamente misurati, tutto il resto è una loro variante matematica. QXCI-SCIO parte misurando canali multipli di queste variabili e i canali sono necessari per determinare istantaneamente e costantemente i cambiamenti nel potenziale elettrico e il suo flusso nel corpo.

L'apparecchiatura considera le quattro estremità e la testa e misura direttamente i quattro canali di voltaggio, quattro di amperaggio e quattro di resistenza. I dati arrivano nel computer che agisce come una cassa di amplificazione e di frequenza.

Gli altri calcoli sono matematici.

La resistenza non può essere misurata direttamente, ma deve essere calcolata dall'amperaggio o dal voltaggio. Così come ogni misurazione di capacità non può misurare direttamente la capacità, ma deve essere calcolata matematicamente dal flusso del voltaggio o dell'amperaggio.

Anche la misurazione della resistenza delle vecchie apparecchiature di elettroagopuntura, come Voll, Phasis o Bicom, Mora, per citare le migliori, e molte altre sono misurazioni virtuali statiche.

L'apparecchiatura misura contemporaneamente più di cinquanta dimensioni virtuali. Le variazioni del flusso di amperaggio e voltaggio ci danno la possibilità di misurare capacità e induttanza. Queste sono i riflessi degli effetti statici e magnetici della bioelettricità.

Variazioni nell'amperaggio e nel voltaggio ci consentono di misurare la frequenza, che non può essere misurata con i valori della sola resistenza. Per questa ragione la frequenza non è stata considerata dalle vecchie apparecchiature.

Le variazioni nel voltaggio, nell'amperaggio e nella resistenza, insieme, ci danno reattanza e induttanza del sistema elettrico. Questa è la misurazione più importante nella diagnostica: la reattanza elettrica è la migliore misurazione della reattanza biologica. Da queste misurazioni possono essere estrapolate altre informazioni. Può essere misurata la biorisonanza, la reazione del corpo a nosodi, isodi, allersodi, sarcodi, a rimedi omeopatici classici, erbe, minerali, aminoacidi, enzimi, ormoni, batteri, funghi, parassiti, nervi, vertebre, muscoli e migliaia di altri elementi. La risonanza del sistema è misurata determinando il potenziale evocato o la reazione del corpo a questi elementi.

Il potenziale evocato è la reazione elettrica del paziente a uno stimolo. Analizzando il potenziale evocato, o la variazione nelle succitate 52 misurazioni, possiamo analizzare la struttura del corpo energetico del paziente.

La velocità di questa reazione è piuttosto rapida. Il corpo elettrico è attratto verso i nutrienti e respinto dalle tossine (ciò è discusso in modo approfondito nel testo "Promorpheus"). La velocità di reattività è controllata dalla velocità dello scambio ionico, questa è la velocità di scambio nella reazione metabolica. La strumentazione è calibrata per ogni paziente nella sua individualità.

Per misurare i 52 fattori alla velocità biologica di 1/100 di secondo è necessario un computer, che lavora in un 1/10.000 di secondo e può sostenere 400 milioni di calcoli al secondo. In un solo test si ottengono da un paziente più di 65 milioni di bit di dati. La loro sofisticatezza e la natura dei calcoli frattali e di un "sistema caotico" rende imperativo l'utilizzo di un sistema di analisi non lineare. Noi usiamo come base analitica il sistema matematico numerico incoerente di Fourier. Altri sistemi sono utilizzati quando necessari. Il computer può rilevare anomalie energetiche e ripararle automaticamente, come quando viene rettificato un circuito in un apparecchio televisivo.

Per questi motivi l'apparecchiatura rappresenta la nuova tecnologia nella medicina energetica.

Un altro fattore positivo è che il sistema agisce senza l'intervento cosciente. Gli utilizzatori delle vecchie apparecchiature che misuravano la resistenza potevano, volontariamente o involontariamente, alterare leggermente la velocità o la pressione di esecuzione e vanificare i risultati del test. Con essa né i medici né i pazienti possono influenzare coscientemente i risultati, perché non rivela cosa stia testando in quel momento.

QUALI I CAMPI DI UTILIZZO.

I settori e campi di utilizzo sono i più svariati e differenti. Chiaramente chi propone queste ricerche con tali metodi sono liberi ricercatori, operatori quantistici, medici, che nella loro totale autonomia di studi e professione, indirizzano la loro ricerca e gli studi per quelle applicazioni del e nel settore che meglio ritengono deontologicamente di applicare. Tuttavia i campi di utilizzo e di applicazione sono molto ampi, e cioè: nell'alimentazione e nelle allergie, nelle geopatie, nella veterinaria, nell'estetica, nel campo batteriologico, in agraria, nella dietologia, nel campo medico e sportivo, per lo studio dei traumi psicoemozionali, nell'elettroagopuntura, in campo omeopatico, nella fitoterapia, etc.

Nell'ambito della medicina bioenergetica, che studia gli equilibri e le dinamiche delle energie trasmesse o prodotte da cellule, tessuti e organi, la medicina quantica esplora profondamente l'anatomia energetica del corpo umano: studia l'energia vitale, elemento essenziale di trasmissione e coesione dal quale dipende la vita.

Secondo una moderna visione olistica, questa energia unisce l'uomo nella sua realtà fisica e psichica, materiale e spirituale, macro e microcosmica. L'energia vitale nasce con noi e preserva, durante la vita, i delicati equilibri che costituiscono lo stato di salute. Se il flusso energetico viene perturbato, per qualsiasi ragione, si altera l'equilibrio, si iniziano ad avvertire disturbi e sofferenze e, conseguentemente, si sviluppa la malattia. Questo insegna la medicina tradizionale cinese (MTC) da più di 5000 anni.

Oggi, con la moderna tecnologia basata su sistemi e strumentazioni sofisticati, in grado di produrre e misurare variazioni "quantiche" di energia (secondo il fisico Plank, 1830, un "quanto" di energia equivale a 10-23 Watt/cm), integrata dalla millenaria esperienza della MTC, siamo in grado di interagire, attraverso micro radiofrequenze, con queste energie sottili modificando e correggendo i flussi energetici al fine di ripristinare l'equilibrio e la salute.

Il nostro corpo risponde molto positivamente a questi stimoli, che riconosce propri, sia energeticamente che sotto forma di bioinformazione: l'effetto terapeutico è estremamente efficace, preciso, indolore, non invasivo e, soprattutto, privo di qualsiasi effetto secondario.

MEDICINE A CONFRONTO.

La medicina convenzionale occidentale si basa sull’idea che il malfunzionamento dell’organismo è dovuto a dei difetti strutturali causati da squilibri chimici. Ne consegue che la chirurgia (rimozione dei difetti strutturali) o la medicazione (per la correzione chimica) sono necessari per correggere il problema. Fino a poco tempo fa la medicina convenzionale occidentale raramente si poneva il problema di come il disequilibrio avviene dalla sua origine causale. Finalmente il Prof. William Tiller della Stanford University, baluardo dell’ortodossia accademica, negli Stati Uniti ed altri ricercatori sono arrivati all’ipotesi che i campi elettromagnetici che controllano le reazioni chimiche (es. le forze ioniche e di Van der Waals) e gli equilibri corporei sono controllati da “campi di energia sottile” che sono influenzabili dalla mente, in soldoni che i nostri pensieri influenzano il nostro stato di salute!

Sono arrivati qualche millennio dopo i cinesi e gli indiani, però l’importante è che ci arrivino!

L'OSTINAZIONE DELL'ESTABLISHMENT A CAMBIARE.

Sir Arthur Edington, astronomo, fisico e matematico inglese d’inizio secolo disse (parafrasi) “Vi dico in verità che è più facile che un cammello passi la cruna di un ago che uno scienziato varcare la soglia di una porta prima che verifichi scientificamente che si tratti di una porta, sarebbe meglio che tornasse uomo semplice per poterla varcare senza indugio.”

Anche il fisico Max Planck era pessimista, indicando che gli scienziati ortodossi resistano all’innovazione ferocemente fino alla loro morte: come constatò: "Un’innovazione scientifica raramente fa strada vincendo e convertendo gradualmente gli oppositori: succede raramente che Saul diventa Paul. Ciò che succede è che gli oppositori gradualmente muoiono, e che la generazione nascente si familiarizza con le nuove idee dall’inizio."

PERCHE' GLI SCIENZIATI NON LAVORANO SU APPROCCI INNOVATIVI DIMOSTRATI?

Perché non controllano il budget della ricerca, altrimenti lo farebbero di sicuro. La dogmaticità della comunità scientifica è controllata da chi tiene le corde della borsa, un chi che spesso è interessato solo al proprio potere, prestigio, territorio e controllo, come in ogni altro campo umano, ahimé. Il povero scienziato, amante della verità, spina dorsale della conoscenza umana, deve lottare disperatamente per ottenere finanziamenti per le sue ricerche che vengono concesse solo per progredire progetti “accettabili” a chi controlla i fondi, ostensibilmente nell’interesse della collettività. Nell’amministrazione della Grande Scienza vige la vecchia regola d’oro: "Chi ha l’oro fa le regole!"

Einstein, invece, “È possibile che esistano emanazioni umane ancora a noi sconosciute”, benché non fosse entusiasta della teoria quantistica, col suo “Dio non gioca a dadi.” Ricordiamoci che pure le correnti elettriche e le onde radio erano una volta oggetto di derisione. Einstein dimostrò pure che tutta la materia può essere rappresentata come energia (E=mc2) ed è nota che ogni energia ha una sua temperatura e quindi una sua frequenza ben definita (f=c/λ) o f=(√(E/m))/λ.

LA CREPA NELLA CONOSCENZA.

Lo scienziato cerca le crepe, dove nuove informazioni possono alloggiare ed i segni di una crepa nella conoscenza sono che:

Nessuno vuole parlarne

C’è una teoria poco chiara che la circonda, come il principio di Heisenberg

Einstein disse in merito: "Lo scienziato fa uso di un intero arsenale di concetti che ciucciò praticamente col latte materno; e raramente semmai è consapevole del carattere eternamente problematica dei suoi concetti. Utilizza questo materiale concettuale, o, parlando più precisamente, questi strumenti concettuali del pensiero, come qualcosa di ovviamente, immutabilmente dato, qualcosa avendo un valore oggettivo di verità che non è quasi mai, e in ogni caso non seriamente, da dubitare. …nell’interesse della scienza è necessario ingaggiarsi continuamente nella critica di questi concetti fondamentali, per non essere inconsciamente dominati da essi.”

Molti Scienziati (con la S maiuscola) hanno commentato sulla necessità assoluta di continuamente rivedere le fondamenta della nostra conoscenza in forma di teorie e modelli. Nel medioevo il dogma scientifico era che il mondo fosse piatto, anche se i greci ed i romani la sapevano sferico. Ancor’oggi nel Regno Unito, c’è una organizzazione chiamata “La società della Terra Piatta”.

DIFFUSIONE DELLA MEDICINA QUANTISTICA.

In Italia è sconosciuta, anche se un numero maggiore di liberi ricercatori e medici ne stanno facendo sempre più uso e pratica. Ma essa, come scienza e tecnica strumentistica, e avanzatissima soprattutto all'estero. Infatti, tutta la formazione e i protocolli istruiti per potere approfondire e studiare la Medicina quantistica con le relative apparecchiature, nonché per imparare ad utilizzarle e soprattutto usufruirne all'interno della pubblica sanità, è tenuta da docenti stranieri che di tale scienza e tecnologia hanno una lunga formazione che deriva da un recepimento del loro paese più avanzato rispetto il nostro Paese.

Gli stati esteri all'avanguardia che possono vantare tali primati, come dicevamo addirittura nel campo della sanità pubblica e quindi negli ospedali, sono: l'Austria, la Germania, l'Inghilterra, l'Irlanda, gli USA e il Canada.

Qualcosa, tuttavia, anche in Italia si sta muovendo positivamente e per confutare ciò segnalo che un primo ed importante Ospedale di Novi Ligure, in provincia di Alessandria, ne sta facendo uso da circa cinque anni presso l'ambulatorio di biorisonanza magnetica pulsante, associato al reparto di ortopedia dell'ospedale civile di Novi Ligure, per l'appunto (allegato brochure tratto dalla rivista Scienza e conoscenza).

PREMI NOBEL LEGATI ALLA MEDICINA ENERGETICA.

Henri Bergson (1859-1941) Premiato nel 1927. Autore di: “Matter and Memory and Creative Evolution”;

Sir John C. Eccles (1903-) Neurofisiologo Australiano, Premiato nel 1963 autore di: “Evolution and the Brain: Creation of the Self”, Routledge 1989.

LEGGI L’ARTICOLO: LA MEDICINA QUANTICA

La medicina quantica (http://www.gioiabertha.it/medicina-quantica.pdf);

BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA

Medicina Quantistica. La medicina attraverso la fisica dei Quanti di Spaggiari Piergiorgio e Caterina Tribbia – ed. Tecniche Nuove;

Viviamo tutti sulla cresta dell'onda. I campi elettromagnetici ultradeboli nuova frontiera della medicina e della cura delle malattie. Aut. Renzo Mazzaro ed. New Media;

La biologia delle credenze. Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula. Aut. Bruce Lipton – Macro Edizioni;

La mente è più forte dei geni. La nuova scienza che ci restituisce i nostri poteri. Aut. Bruce Lipton. Macro Edizioni;

Le meraviglie dell'acqua. Il mistero biofisico che ci dona la vita. Aut. Piergiorgio Spaggiari e Caterina Tribbia. Ed. Tecniche Nuove;

The Living Matrix. La nuova scienza di guarigione. DVD; ed. Mylyfe;

Gerber, R., Vibrational Medicine: New Choices for Healing Ourselves. Santa Fe, NM, Bear & Company, 1996;

Burton Goldberg Group., Alternative Medicine: The Definitive Guide. Puyallup, WA, Future Medicine Publishing Inc., 1993;

Helms, J.M., Acupuncture Energetics: A Clinical Approach for Physicians. Berkeley, CA, Medical Acupuncture Publishers, 1995;

Brown, B.B., Stress and the Art of Biofeedback. New York, NY, Bantam Books Inc., 1977;

Chaitow, L., Energy and bodywork. International Journal of Alternative and Complementary Medicine, Vol. 15, June 1997, pp. 31-33;

Marsh, D., Stranger than fiction. International Journal of Alternative and Complementary Medicine, Vol. 15, January 1997, pp. 11-12;

Marsh, D., Electromagnetic therapeutics. International Journal of Alternative and commplementary Medicine, Vol. 15, April 1997, pp. 17-19;

Bourne, S., Bio-energetic medicine in perspective. International Journal of Alternative and Complementary Medicine, Vol. 14, January 1996, pp. 12-14;

Orlova, M., A New Era of Preventive Medicine. Healthy Options, March 1998, pp. 16-18;

Lednyiczky, Gabor and Nieberl, Jozsef. Biological resonance and the state of the organism. In: Potentiating Health and the Crisis of the Immune System, Mizrahi, et al., eds. New York, NY, Plenum Press, 1997, pp. 223-42;

Lednyiczky, G., et al. A new diagnostic theory and its application. Townsend Letter for Doctors & Patients, No. 162, January 1997, pp. 74-78;

Lednyiczky, G. and Nieberl, J. Cerebellum Multichannel Biofeedback Instrument;

Proceedings of the 1st World Congress on Magnetotherapy, London, 1996, p. 190;

Lednyiczky, G., et al. In vivo and in vitro studies of biological information transfer by endogenous electromagnetic oscillations. Proceedings of the 1st World Congress on Magnetotherapy, London, 1996, pp. 93-123;

Arthur Edington, Space, Time, and Gravitation (rep. ed.: Cambridge: Cambridge University Press, 1987), pp. 48, 181;

Einstein, A., "Foreword," in Max Jammer, Concepts of Space: The History of Theories of Space in Physics, Harvard University Press, Cambridge, MA, 1969, p. xi-xii;

Planck, M., in G. Holton, Thematic Origins of Scientific Thought, Harvard University Press, Cambridge, MA, 1973;

Bohm, D., Undivided Universe, 1993;

Crile, G., (Chirurgo americano e fondatore della “Cleveland Clinic” nell’Ohio.) The Phenomena of Life¡ªA Radio-electric Interpretation;

Abrams, A., pathologist, Stanford University Medical School, New Concepts in Diagnosis and Treatment, Philopolis Press;

Becker, R.O., Cross Currents: The Perils of Electropollution, the Promise of Electromedicine Tarcher/Putnam, 1990, and The Body Electric Morrow, New York 1985;

Chen, K.G., Applying Quantum Interference to EDST Medicine Testing, Engineering in Medicine and Biology, 1996;

Kenyon, J., 21st Century Medicine Thorsons, 1986;

Bruggemann, H., Bioresonance and Multiresonance Therapy, Haug, Brussels, 1990;

Pischinger, A., Matrix and Matrix Regulation, Basis for a Holistic Theory in Medicine, Brussels, Haug International 1986;

Liberman, J., Light: Medicine of the Future, Bear and Co., Santa Fe, 1991;

Talbot, M., The Holographic Universe, Harper Collins, 1996;

Gerber, R., Vibrational Medicine, The Handbook of Subtle-Energy Therapies, Bear and Co., Rochester, VT 2001;

Scott-Mumby, K., (Medico inglese, conosciuto per il suo lavoro pionieristico nel campo della medicina ambientale ed energetica.) Virtual Medicine.

SITI CONSIGLIATI

www.gioiabertha.it

www.scio-italia.it

www.energetic-medicina.net/bill-nelson.html

Motore di ricerca Google: digitare Bruce Lipton

IN DETTAGLIO CON QUALE STRUMENTAZIONE E COME SI LAVORA

L'APPARECCHIATURA DEL CENTRO. GIOIA BERTHA®

SCIO è un’apparecchiatura non invasiva di analisi che utilizza per effettuare una diagnosi clinica una tecnologia avanzatissima che sfrutta come base scientifica (quindi riproducibile) la fisica quantistica e la matematica frattale.

Tale sistema permette al medico di connettersi con il “paziente” a livello quantico, cioè analizzando le alterazioni elettromagnetiche dei singoli “mattoni” (quanti) dell’Unità Mente – Corpo, così da avere un’interfaccia oggettiva, bypassando le sensazioni “fisiche” della persona e le credenze o i preconcetti del medico. Permette, quindi, di compiere una serie di incroci frequenziali che possono portare alla coscienza l’origine profonda del disagio che ha come ricaduta i sintomi fisici.

E' uno strumento messo a punto da un equipe medica (di medicina fisica) guidata dal prof. Nelson. Il lavoro dello studio è durato circa 10 anni con test eseguiti su 10.000 persone per la rilevazione dei parametri di risonanza energetica. E’ usata ormai da circa 15 anni nel campo della ricerca medica.

SCIO-Gioia Bertha® è uno strumento diagnostico e terapeutico di biorisonanza che si basa sui principi della medicina Quantistica. Come tale essa lavora sulle frequenze dei campi elettomagnetici deboli prodotti dal corpo umano. Come la fisica quantistica ha messo in luce che la materia è energia e l'energia è frequenza, allo stesso modo Gioia Bertha® è in grado di misurare le frequenze emesse dal corpo umano, individuando le frequenze corrette e quelle distorte.

L’uomo e la natura sono costituiti di energia e materia. La materia è frequenza elettromagnetica condensata, e quindi tutti i corpi emettono frequenze (energia) e possono anche riceverle. Tutte le cellule del corpo umano grazie al loro DNA che funziona come un trasmettitore-ricevitore sono in continua connessione elettrica e modificano sé stesse a seconda dei messaggi.

È il sistema più avanzato di elettrodiagnostica-terapeutica computerizzato unico al mondo.

Fornisce, in un solo test, indicazioni preziose per comprendere la storia della persona, di esaminarne le cause, gli effetti, le correlazioni tra i sistemi, gli organi, apparati e risposta biologica. È un raffinato strumento elettronico-informatico, potente e sicuro, studiato e sviluppato per coadiuvare il lavoro di ricercatori e specialisti che si occupano del benessere sia fisico che psichico. In fase prediagnostica applica le più recenti scoperte nel campo della informazione biologica e della bioenergetica: utilizzando un sistema accelerato di comunicazione trivettoriale computerizzata in biofeedback, riesce a dialogare con continuità con l’organismo umano sfruttando la sua eccezionale velocità di interazione (1/10.000 di sec.) In questo modo riesce a registrare ogni stimolo o reazione del sistema biologico (che opera con tempi da 1/100) e, subito dopo, a riassettarlo rendendolo riequilibrato e pronto per un nuova misurazione. Con l’invio e la registrazione accelerata dell’informazione biofisica di oltre 9.000 sostanze differenti, in soli tre minuti, il sistema è in grado di tracciare una prima mappa di reattività dell’organismo, di estrapolare tutti i valori anomali e di correlarli al sistema o all’organo di competenza.

È il sistema più avanzato esistente oggi per l’esecuzione di terapie elettromagnetiche, radioniche e di biorisonanza. Con queste basi, singolarmente o con l’interazione dei tre sistemi, si possono eseguire riequilibri energetici, di armonizzazione, di agopuntura, omeopatiche, omotossicologiche, antivirus, fiori di Bach, auto ipnosi, e quanto altro. Il riequilibrio è guidato da un potente sistema matematico annesso al software che focalizza, in tempo reale, ogni necessità e ogni variante terapeutica necessaria in quel momento e per quella circostanza. In fase omeopatica e omotossicologica suggerisce automaticamente l’ottimizzazione del rimedio prescelto.Gioia Berthaâ è il frutto di venti anni di ricerche condotte nel campo della medicina bioenergetica, della biofisica e della fisica quantica, oltre che della riflessologia differenziata e dei sofisticati sistemi matematici di calcolo.Il corpo umano è un conduttore di energia pertanto la sua reattività può essere misurata attraverso risposte sull’impedenza, amperaggio, voltaggio, reattanza, induttanza, frequenza, fase, coerenza, polarità.Le frequenze trivettoriali di risonanza di varie sostanze sono comparate alle frequenze di risonanza della persona. Ciò che ne risulta è la migliore analisi possibile nel campo della bioenergetica: in meno di tre minuti Gioia Berthaâ fornisce la risposta allo stimolo di oltre 9.000 elementi.

La medicina quantistica grazie a tecnologie basate sulla fisica quantistica (Plank-Borch) può decodificare le trasmissioni intercellulari ed effettuare una diagnosi e quindi una terapia corretta che può essere: omeopatica, agopunturale, fitoterapica, ecc. a seconda dell’indirizzo del medico o operatore quantistico

PERCHE' GIOIA BERTHA

Nel mese di marzo, dell'anno 2005, dopo essermi sottoposta alle terapie della SCIO, per un paio di anni presso uno studio privato, a causa di un malessere che persisteva, e a seguito di ciò avere conferma delle enormi potenzialità che l'apparecchiatura era ed è in grado di compiere, decido di acquistarla principalmente per me stessa e poi successivamente per esaudire un sogno che era, e lo è tuttora, quello di ricercare il malessere e le cause della malattia per poter un giorno contribuire ad eliminarlo. Inizio con le prime piccole esperienze e trattamenti, non prima però di compiere tutti i corsi e gli insegnamenti per poter esercitare professionalmente e in tutta sicurezza con la strumentazione.

Tre mesi dopo, in occasione di un primo difficile caso cui mi accingo a trattare, accade il primo inaspettato “Miracolo”. Una bimba di un anno di età il cui problema, molto serio, toccava la tolleranza di taluni cibi e alimenti, come il latte, che gli procuravano su tutto il piccolo corpicino spesse piaghe e pesanti eritemi, a cui per evitare ciò gli si doveva modificare il tipo di nutrizione ogni 2 giorni per tenere, per quanto possibile, sotto controllo la situazione e perché non peggiorasse la situazione, gli era stato diagnosticato una malattia meglio denominata “Malattia Autoimmune”.

La madre della bimba dopo avere provato ogni cura decide, pertanto, di sottoporla al test della SCIO e già dal primo check up ne scaturisce una informazione molto importante. Scopro, perché la strumentazione me ne dà segnalazione mediante una dicitura riportata nella schermata del software, che già al 3° mese di gestazione la bimba riceve e subisce un primo trauma e che la madre subito dopo mi conferma e dettaglia, raccontandomene i particolari, l'evento nefasto.

Infatti, la madre mi racconta che nella fase di gravidanza anzidetta, i feti nel grembo erano due e dunque due sarebbero stati i nascituri, quindi gemelli, ma in questa fase qualcosa va storto e solo uno dei due feti riesce a sopravvivere mentre il secondo non riesce a superare le difficoltà facendo divenire la bambina l'unica superstite.

Successivamente gli viene praticato il primo riequilibrio e trattamento sul trauma. Il miglioramento cui è sottoposta la bambina viene percepito, oserei dire, quasi contemporaneamente ed è eccezionale perché soltanto con un solo trattamento, il secondo gli viene praticato dopo 15 giorni, la bambina mostra i primi segnali di guarigione e la scomparsa dei segni sul tenero corpicino.

La bimba ha oggi quasi 8 anni. Il suo stato fisico e mentale sono in ottima forma e non riporta alcun segno del trauma accadutogli sul corpo e sulla pelle.

Ricordo ancora con entusiasmo e gioia i momenti di commozione miei e soprattutto della madre.

Sentii subito dopo il bisogno, dunque, di personalizzare la strumentazione che mi accompagnava assegnandole i due nomi: GIOIA e BERTHA. Per ciò che concerne il primo nome penso sia chiaro il suo riferimento, mentre il secondo è determinato dal fatto che trovandomi in quel tempo, e tuttora lo è, ad esercitare nel comune di Montegrotto Terme, ove è forte ed ancora molto viva la leggenda della Bertha che filava, la quale già allora era percepita come una pioniera nel campo della filatura, e considerato che io stessa per ciò che esercito mi reputo alla stregua della leggendaria pioniera ecco che allora decisi di legare indissolubilmente la strumentazione, umanizzandola, battezzandola con il nome di GIOIABERTHA! Nome registrato regolarmente GioiaBertha®.

GIOIBERTHA®: STRUMENTO DI PREVENZIONE A DOPPIO SENSO.

Con Gioia Bertha (Scio) è possibile intervenire sul problema prima che questo faccia insorgere i sintomi veri e propri. In fase terapeutica è in grado di ripristinare e correggere le frequenze distorte prima ancora che il disagio sia stato in grado di modificare la struttura. Viceversa quando il problema è già presente si propone come potente alleato della medicina allopatica (la medicina tradizionale) intervenendo sulle cause del disagio, mentre la medicina allopatica e la farmacologia si occupano di eliminare la sintomatologia.

Infatti, la quantistica ha messo in luce come la prima fase di una malattia sia uno squilibrio nel campo elettromagnetico del corpo e il cambiamento nella struttura fisica avviene in un secondo momento ed è la fase in cui noi avvertiamo il dolore .

I normali sistemi per praticare analisi e terapie energetiche offrono solo soluzioni a senso unico, Gioia Bertha è a doppio senso. Il suo software, unico al mondo, consente al computer di inviare e ricevere segnali in tempi così brevi, da essere in grado di valutare e correggere la terapia mentre questa è in corso.

Grazie a questa connessione in feedback, il software può operare automaticamente nelle seguenti situazioni:

  • Terapie omeopatiche e omotossicologiche;
  • Terapie alimentari;
  • Desensibilizzazione di allergie e intolleranze;
  • Terapie di biorisonanza tipo Bicom Mora;
  • Elettroagopuntura;
  • Terapie dimagranti;
  • Frequenze Rife;
  • Armonizzazione;
  • Terapie spinal Energy;
  • Cromoterapia;
  • Analisi e regolazione delle onde cerebrali;
  • Analisi e terapie antiparassitarie;
  • Terapia del dolore in genere;
  • Tutte le terapie da stress;
  • Altro.

COME AVVIENE IL TEST.

Il Check Up quantistico. La I° diagnosi olistica

Essa consente, tramite la misurazione dei parametri elettromagnetici e frequenziali del corpo umano, di conoscere lo stato di salute degli organi, dei sistemi (nervoso, linfatico, etc.), di rilevare il livello di minerali, di vitamine, di funghi, di batteri, di virus, etc., di rilevare intolleranze alimentari e allergie, e quanto altro.

Con Gioia Bertha® è possibile esplorare anche le emozioni, poiché anch'esse sono delle frequenze. In questo modo diventa uno strumento prezioso per conoscere come la nostra vita emotiva si riflette sul corpo in termini di benessere o di malessere. Essa fornisce un quadro olistico per esplorare il disagio (sia fisico che emotivo) nella sua globalità del corpo e della mente. Grazie alla quantistica l'approccio solistico è pienamente realizzabile in quanto fino ad oggi non c'erano metodologie che consentissero di avere un quadro completo del disagio, ma solo quadri parziali che non consentivano di esplorare dettagliatamente ogni aspetto del corpo umano.

Il paziente è perfettamente rilassato su di una poltrona con assenza di elementi metallici. I suoi piedi sono appoggiati ad uno speciale tappeto che ne legge la “risonanza energetica”, questo è poi collegato allo strumento (generatore di frequenze). A questo punto inizia il test.

Sullo schermo del computer compaiono delle “mappe” del corpo, con un’indicazione del valore energetico della zona specifica.

È possibile poi “entrare” nei tessuti e testare anche la funzionalità delle cellule, per scoprire a quale livello sia presente lo squilibrio e quale ne sia la causa.

È possibile anche valutare fattori microbiologici, tossici e alimentari che causano o contribuiscono al perdurare il problema. Tutti questi dati possono riferirsi a disturbi in corso, oppure ci possono informare anticipatamente sulla presenza di squilibri pre-clinici che potrebbero trasformarsi in malattie. Questa è la vera medicina preventiva, che ci informa sulle possibili cause di patologie non ancora in corso, ma che potrebbero manifestarsi se il soggetto non optasse per un miglioramento del proprio stile di vita.

La valutazione iniziale, che ovviamente comincia con la stesura di un profilo che viene in un secondo momento valutato da un terapeuta quantistico o medico, dura circa un’ora e mezza.

IL RIEQUILIBRIO ENERGETICO: II° FASE

Individuato in quale organo sia presente lo squilibrio e quale ne sia la causa, è possibile impostare la terapia più adatta.

La proposta terapeutica viene così modulata e personalizzata in un programma che tiene conto sia del problema sia della tipologia costituzionale del paziente.

I campi e le sindromi dove maggiormente viene impiegata:

squilibri del sistema neurovegetativo e stress con le sue manifestazioni, “somatizzazioni”

del sistema digestivo (meteorismo, gastriti, cervicalgie muscolo-tensive…), cutaneo

patologie croniche recidivanti;candidosi, cistite, sinusite, problemi da intossicazione da farmaci, fumo, alcool, problemi di invecchiamento e deterioramento psico-fisico, patologie degenerative, in particolare dell'apparato osteoarticolare, artrosi, squilibri funzionali endocrini; dismenorrea, distiroidismi.

La valutazione iniziale, che ovviamente anche qui comincia con la stesura di un profilo, viene in un secondo momento valutato da un terapeuta quantistico o medico, dura circa un’ora.

COME LAVORA E COSA INDIVIDUA

L’apparecchiatura GioiaBertha® lavora in biofeedback con connessione cibernetica trivettoriale, utilizzando e misurando contemporaneamente fino a 16 differenti parametri elettrici del corpo umano. Unica al mondo, in ambito diagnostico, può testare in pochi minuti la reazione di un organismo allo stimolo di oltre 9.000 sostanze differenti rilevando patologie sospette, occulte o nascenti. Questo la rende uno strumento esclusivo e gli consente oltretutto di raccogliere valutazioni oggettive sul paziente, non influenzabili dall'analista o dall'ambiente.

L'accuratezza e l'affidabilità di misurazione dei parametri elettrofisiologici rappresentano il punto di forza del sistema. Gioia Bertha® è il frutto di vent'anni di ricerche condotte nel campo della medicina bioenergetica, della biofisica e della fisica quantica, oltre che della riflessologia differenziata e dei sofisticati sistemi matematici di calcolo.

Il corpo umano è un conduttore elettrico, pertanto la sua reattività può essere misurata attraverso risposte sull'impedenza, amperaggio, voltaggio, reattanza, induttanza, frequenza, fase, coerenza, polarità, ecc.

Le frequenze trivettoriali di risonanza di varie sostanze sono comparate alle frequenze trivettoriali di risonanza del paziente. Ciò che ne risulta è la migliore analisi possibile nel campo della medicina bioenergetica: in meno di tre minuti la Scio G.B. fornisce la risposta allo stimolo di oltre 9.000 elementi e assiste il ricercatore nell'analisi dettagliata delle seguenti problematiche:

  • Allergie;
  • Intolleranze alimentari;
  • Problemi nutrizionali;
  • Foci dentali;
  • Deficienze vitaminiche e minerali;
  • Tossicità;
  • Funghi e parassiti;
  • Virus e batteri;
  • Fattori ambientali e inquinamento;
  • EEG – Elettroencefalogramma;
  • ECG – Elettrocardiogramma;
  • EGM - Analisi della risposta elettromuscolare;
  • Analisi dei livelli ormonali, enzimatici e vitaminici;
  • Nosodi dentali;
  • Esame degli organi;
  • Ecc.

 

Il software stabilisce con il paziente una connessione di biofeedback cibernetica (autofocus), al fine di guidare diagnosi e terapia. Questo garantisce che, in fase di trattamento, la sola persona sotto terapia sia il paziente. Si eliminano le possibilità di interferenze, di un feedback costante. Contrariamente a ogni altro sistema terapeutico presente sul mercato, GioiaBertha® è in grado di monitorare costantemente il paziente durante tutta la seduta. Questo assicura l'individualità di ciascuna diagnosi e l'ottimizzazione della terapia.

La connessione cibernetica e il feedback costante consentono di modificare la messa a punto (autofocus system) di amplificazione e frequenze durante una qualunque terapia, per assicurare che quanto indicato in fase diagnostica sia preso in considerazione in ogni momento. Ciò garantisce all'apparecchiatura di interrompere automaticamente la terapia nel momento stesso in cui le reazioni del paziente mostrano che è stato raggiunto il massimo dell'efficacia, garantendo oltretutto il massimo della sicurezza.

Inoltre, a differenza dei sistemi di diagnosi per “immagini” della medicina classica (RX, RMN, TC) che vengono interpretati dallo specialista in quanto assimilabili a vere e proprie fotografie che possono essere “guardate“ in svariati modi diversi, GioiaBertha®, grazie al suo software, permette la lettura vera e propria di ciò che ha rilevato, con un’alta percentuale di accuratezza che varia tra l’80% ed il 95%. Il sistema è concepito in modo da poter essere utilizzato da qualunque medico a seconda del suo approccio terapeutico ed è quindi un sistema “aperto” che interagisce con il terapeuta man mano che ne approfondisce la conoscenza. Spesso dei medici hanno iniziato ad utilizzarlo in maniera allopatica cercando i responsabili della malattia in batteri, funghi, virus, allergie, ecc. – cosa che fa egregiamente - e poi pian piano hanno modificato il loro approccio diagnostico – terapeutico.

PATOLOGIE IN ESAME

Le frequenze rilevate possono venire invertite tramite la biorisonza o il biofeedback. Con la biorisonza viene inviata la giusta frequenza con la quale vibra l'organo, in modo che lo stesso, in carenza, incominci a funzionare nella sua frequenza corretta diminuendo quelle distorte. Mentre con il Biofeedback la frequenza distorta viene rilevata e invertita, in questo modo le onde successive vanno ad equilibrare e ad eliminare la frequenza distorta.

La bioenergetica quantistica prende in esame l’essere umano non come malato, cioè come soggetto portatore di un problema di salute corporeo, ma come una unità Anima-Mente-Corpo che ha perso la sua integrità e dividendosi in entità separate sviluppa una sintomatologia “dolorosa” che gli ricorda che deve fermarsi per riconnettersi.

Utilizzando sistemi tecnologici avanzatissimi (GioiaBertha®-SCIO) è possibile nell’arco di circa un’ora effettuare una diagnosi oggettiva ed iniziare subito un percorso riabilitativo.

Tutte le “patologie” dal comune raffreddore alla psoriasi sono effetti di alterazioni di percezione del reale, che nell’arco di mesi o di anni e nel caso dei bambini già alla nascita, portano ad una alterazione delle frequenze elettromagnetiche della nostra “Unità” e quindi al malfunzionamento del DNA. .

A seconda del tipo di squilibrio personale, l’alterazione di frequenze crea la “malattia” di un organo (o più) anziché di un altro.

Tutti i medici operanti nel settore delle medicine non convenzionali, sanno che la paura colpisce i reni ed il cuore, la rabbia il fegato e la cistifellea, la soppressione il sistema nervoso centrale, la svalutazione di sé la colonna vertebrale e le ossa.

GioiaBertha®-SCIO è un’apparecchiatura non invasiva di analisi che utilizza per effettuare una diagnosi clinica una tecnologia avanzatissima che sfrutta come base scientifica (quindi riproducibile) la fisica quantistica e la matematica frattale.

Tale sistema permette al medico di connettersi con il “paziente” a livello quantico, cioè analizzando le alterazioni elettromagnetiche dei singoli “mattoni” (quanti) dell’Unità Mente – Corpo, così da avere un’interfaccia oggettiva, bypassando le sensazioni “fisiche” della persona e le credenze o i preconcetti del medico. Permette, quindi, di compiere una serie di incroci frequenziali che possono portare alla coscienza l’origine profonda del disagio che ha come ricaduta i sintomi fisici.

TRATTAMENTI:

GioiaBertha® esegue trattamenti preselezionati di agopuntura sui meridiani; esegue l’equilibrio dei meridiani con il sistema della biorisonanza trivettoriale; esegue trattamenti di agopuntura secondo gli schemi della MTC e cioè senza toccare il paziente; armonizza qualsiasi organo con le tecniche Rife; esegue terapie di biorisonanza in maniera automatica e auto calibrata; individua e desensibilizza allergie; parassiti, veleni; esegue analisi e terapie mentali, sistemiche, organiche, seleziona i principi omeopatici, omotossicologici, fitoterapici (fiori di Bach) più indicati per la persona.

Ma esegue anche le seguenti ricerche:

Intolleranze alimentari, allergie, stress geopatici, tossicità, ansia, attacchi di panico, depressione, stress, funghi, parassiti, virus e batteri, ormonale, enzimatico, vitaminico, elettroagopuntura, antiaging, riequilibro dei chakra, terapia del dolore, etc. e ancora tanto altro.

Effettua il riequilibrio degli organi e dei sistemi armonizzandoli secondo le tecniche RIFE, li tratta energeticamente, eliminando squilibri e difformità di collegamento, può individuare allergie e desensibilizzarle, può individuare focus dentali, ossei, ghiandolari e trattarli in una o più sedute, annullandoli.

Può individuare virus, funghi, batteri, parassiti, ecc., li localizza e li annienta in pochi secondi, con una terapia unica, di risonanza a pacchetti d'onda.

Esamina e tratta singolarmente la nutrizione e la digestione secondo parametri clinici equivalenti, indica squilibri vitaminici, enzimatici, ormonali, etc.

Analizza stress di varia origine, stanchezza mentale, ossessione, fobie; tratta e riequilibra questi disturbi con sistemi radionici di risonanza trivettoriale, unici al mondo.

Individua velocemente geopatie, nosodi, allergodi, omeopatici naturali, fitoterapici e fiori di Bach più indicati.

Sorprendenti i positivi risultati nelle cure organiche, sistemiche, mentali, ormonali, del dolore, nelle parassitosi, nelle allergie, intolleranze alimentari, ecc.

Gioia Bertha esegue anche terapie complesse, come, per esempio, l'elettroagopuntura, Mora, Bicom, scalare, cromoterapia, NLP.

L’ESEMPIO COME CASO

Possiamo portare ad esempio l'effetto di una terapia "quantica" sui punti di agopuntura di un meridiano cinese corrispondente a un organo: il sistema SCIO è in grado di individuare la frequenza del meridiano indagato, ricercare il/i punti di agopuntura da trattare, trattarli attraverso l'individuazione dello squilibrio, fornendo o togliendo al momento l'energia necessaria. L'organo corrispondente, ripristinato così il suo equilibrio energetico, ritrova poi la forza di attivare i suoi naturali meccanismi fisiologici di difesa per vincere biochimicamente la sofferenza o la malattia.

TEMPISTICA E BENEFICI

Alle volte il risultato si ottiene anche con il primo check up e riequilibrio energetico. Nei casi di stress il beneficio è immediato, ma in linea di massima in assenza di una patologia, il beneficio si ottiene dopo 3 - 6 riequilibri. Nel caso di un problema legato all'alimentazione togliendo gli alimenti che creano intolleranza la persona ottiene anche solo dopo pochi giorni il beneficio.

A CHI E’ CONSIGLIATO IL TEST

A tutti.

A CHI E’ SCONSIGLIATO IL TEST

Solo ai portatori di plaismeker.

LA TERAPEUTA RACCOMANDA:ESEGUIRE CON REGOLARITA’ IL TAGLIANDO BIOLOGICO

Quando si parla di medicina, inevitabilmente si pensa alle malattie.

Perché non cominciare a pensare che ci si deve occupare innanzitutto della salute per evitare le malattie? È per questa ragione che riteniamo opportuno un periodico “tagliando biologico”. Accanto agli esami ematochimici di routine, che ci forniscono informazioni sulla presenza di danni nell’organismo, si possono associare dei test finalizzati a:

- Valutare la funzionalità degli organi.

- Analizzare il “terreno”, ovvero la sensibilità dell’organismo ad agenti patogeni e a malattie, per conoscere in anticipo quali siano i problemi che lo possono minacciare.

Una vera analisi predittiva della salute!

Con questi risultati, è possibile poi impostare una terapia personalizzata di riequilibrio delle aree “deboli” del corpo, per cercare di evitare l’insorgenza di disturbi o malattie. Il consiglio è che tutti dovrebbero fare questo test quando sono ancora in salute, cioè il prima possibile.

GUARDA IL VIDEO

Le frequenze del benessere

http://www.gioiabertha.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5&Itemid=9

L’OPERATORE QUANTISTICO

CURRICULUM VITAE

Libera ricercatrice olistica e operatore quantistico del benessere.

L'attività di ricerca parte attivamente nel 1990 e prosegue, mantenendomi nel corso degli anni costantemente aggiornata, partecipando a seminari professionali di Feng Shui, di Reiki Rambon, Body Healing, di stimolazione neuronale, “Ensenanza”, d'ipnosi Erickoniana, delle geopatie, della kiniesiologia sino ad approfondire, nel 2009, la Nutripuntura (agopuntura senza aghi). Ma il grande cambiamento come ricercatrice giunge nel 2002 quando, partecipando ad una conferenza sulla quantistica, incontro la SCIO, che significa “CONOSCENZA”, ed è amore a prima vista. Uno strumento all'avanguardia che riassume e va oltre tutti i percorsi fatti in precedenza, in quanto nei test di analisi, che si eseguono, emerge tutto il benessere o il malessere della persona e la cosa straordinaria è che con le sue frequenze può riportare il soggetto in equilibrio sia fisico ma soprattutto psichico. A quel punto capii che il mio obiettivo e che la ricerca interiore che tanto mi attanagliava non era più un illusione ma stava diventando una solida realtà. Per cominciare lo studio quantistico si intensificò e l'approfondimento divenne ora la ragione della mia ricerca. I primi test di riequilibrio furono fatti su me stessa e il conseguente stato di benessere che ricevetti divennero prova di quanto stavo studiando, ricercando e consolidando nello studio. Lo sforzo intellettuale che stavo profferendo diventa tale, nel marzo del 2005, che si realizza finalmente anche il sogno che da tempo inseguivo con la nascita dell'associazione “La Chiave di Volta”, della quale divento fondatrice e presidente. La creatura aveva il compito, secondo la mia visione, di unire gli intenti e farli preponderanti, coniugare cioè il talento frequenziale delle scoperte della SCIO, battezzata poi Gioia Bertha, con la ricerca della libertà di cura che avevo intenzione di perseguire. Scoprire la causa della malattia o delle malattie diveniva ora oggetto e fine ultimo della mia ricerca.

STUDI DI RICERCA E APPROFONDIMENTI PROFESSIONALI:

Corso base PSYCH-K®; Docente: Dr. Carlo CANNISTRARO, Montegrotto Terme (PD), a. 2010;

Corso di formazione apparecchiatura per test ed esami energetici pre-diagnostici simultanei e rapidi in 30 sec., NES MEDICA Milano, Milano, 2010;

Corso di formazione “Caduta patologica delle emozioni; individuazione, sblocco e conseguenti terapie”, approfondimento sull'uso dei sistemi Scio, Relatore D.ssa Claudia Von Bohem. Milano 26/27 febbraio 2010;

Corso base di “Nutripuntura (l'agopuntura senza aghi) e Kiniesiologia”, Dott. Gianfranco Caron, Cittadella (PD), Marzo 2009;

Corso avanzato di medicina quantistica: “Allergie, intolleranze alimentari, stress geopatici, energie perverse, traumi psicoemozionali, come rilevarli e come trattarli utilizzando il QXCI- SCIO” Dott.Igor Cetojevic, Verona, 25/26 novembre 2005;

Corso di stimolazione neuronale "Ensenanza", Dannebath Italia, Montegrotto Terme (PD), Diploma 18/11/03;

Seminari di "Dramma e Ipnosi Ericksoniana”, Associazione italiana tecniche terapeutiche alternative A.I.T.T.A: Prof. Mauro De Luigi, Dolo (VE), Attestato 24/06/01;

Corso professionale di Feng Shui, Arch. Pierfrancesco Ross, Padova, 1999/2000;

Corso di II° livello Feng Shui, Titolo: “L'arte di vivere in armonia con il cosmo”; Arch. Paola Trevisan, Padova; Attestato 30.05.1999;

Corso di Body Healing – “Sistema Usui per la guarigione naturale”, Master Alba Meneghetti, Padova, 1998.

PRENOTA IL TUO TEST, DOVE, COME E QUANDO

a) La prenotazione del Test può essere fissata chiamando la segreteria dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00;

b) oppure chiamando al mobile sotto evidenziato in qualsiasi ora;

c) oppure spedendo all’indirizzo di posta elettronica qui sotto evidenziato la richiesta con oggetto: Prenotazione Test Gioia Bertha;

d) compilare il form del sito GioiaBertha.it in tutti i suoi spazi e inserire nella richiesta “appuntamento Test Gioia Bertha”

Gli indirizzi e i recapiti per poter contattare il Centro sono i seguenti:

SEDE: Sodalizio PRPGETTO BENESSERE, v.le Stazione, 134 - 35036 Montegrotto Terme (PD);

T/F.: 049.8910706 (segreteria);

C.: 335.6745856 (Luigina);

@:

W1: www.gioiabertha.it

W2: www.associazioniprogettobenessere.it

L’ASSOCIAZIONE PROGETTO BENESSERE

L’associazione Progetto Benessere, che sostiene il centro studi e ricerche GioiaBertha®, è una associazione senza scopo di lucro e dedica le proprie energie all'informazione e alla prevenzione mediante il test.

Progetto Benessere organizza conferenze gratuite e libere a tutti per divulgare quanto più possibile il nostro patrimonio più importante, e cioè la nostra SALUTE.

Le serate sulla Medicina quantistica solitamente sono monotematiche e di volta in volta pensate per una problematica specifica. Tuttavia, la persona può assistere in diretta l’avvenimento e come si svolge il test con un paziente che accorda il consenso al trattamento.

INDIRIZZO E INDICAZIONI STRADALI:

SEDE: v.le Stazione, 134 – 35036 Montegrotto Terme (PD); a 300 mt. dalla stazione dei treni.

in Auto:

dal casello autostradale di Terme Euganee: uscire al casello e imboccare la via Mincana (SP. 9) in direzione Padova e Abano Terme. Percorrere 500 mt. e immettersi nella SS. 16 o Starda Battaglia (o via Mezzavia); Viaggiare per circa 1,5 km lungo la statale citata sino ad incontrare il nuovo ponte-cavalcavia della tangenziale. Appena passati sotto il cavalcavia, prendere la prima uscita a destra seguendo le indicazioni per Montegrotto Terme – Abano. Oltrepassare il ponte sino ad incontrare una prima rotonda e proseguire diritti. Alla seconda rotonda, prendere la prima uscita e proseguire per la via Catajo; continuare lungo via Neroniana e seguire le indicazioni per la stazione dei treni. Giunti davanti la stazione citata, imboccare viale Stazione (strada a senso unico di marcia) e percorrere 300 mt. circa. Superato l’hotel Terme Augustus, sulla sinistra ha inizio un portico condominiale. Lì sotto, prima del bar, vi si posiziona l’ingresso del condominio. Pigiare il tasto Progetto Benessere (I° riga – I° colonna)! Infine, servirsi dell’ascensore: III° piano.

in Treno:

fermarsi e scendere c/o la Stazione ferroviaria di Terme Euganee; appena usciti dalla stazione, frontalmente si prospetta viale Stazione, strada a senso unico di marcia, procedere a piedi lungo quest’ultima; dopo circa 300 mt. sulla sinistra, superato l’hotel Terme Augustus, ha inizio un portico condominiale. Lì sotto, prima del bar, vi si posiziona l’ingresso del condominio. Pigiare il tasto Progetto Benessere (I° riga – I° colonna)! Infine, servirsi dell’ascensore: III° piano.

Vedi e scarica la Mappa Google Earth:

Progetto Benessere (collegamento ipertestuale con Google Map);

CONTATTI

T/F. 049.8910706 (Segreteria);

C. 335.6745856 (Luigina);

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.progettobenesserecompleto.it

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Informazioni aggiuntive