La corretta associazione dei cibi

Insalate di verdure crude dovrebbero sempre abbondare sulla nostra tavola e aprire qualsiasi banchetto. Per iniziare bene, apriremo il pasto con un gran piatto di verdure miste: varie, colorate, molteplici. Sono alimenti da valorizzare e usare sempre di più per molte ragioni che qui riporto:

  • preparano adeguatamente l'ambiente digestivo, creando nello stomaco una situazione ideale, pronta ad accogliere bene qualsiasi alimento successivo;

  • sono ricche di vitamine, sali minerali e oligoelementi, che si legano agli enzimi digestivi e ne potenziano l'effetto;

  • la loro presenza nell'intestino e nello stomaco non interferisce sulle richieste di altri cibi;

  • non hanno bisogno di specifici succhi gastrici;

  • essendo ricche d'acqua (mediamente il 70%) e di fibre, assicurano alla massa del cibo l'idratazione e la corposità necessarie per un transito meccanico adeguato;

  • con la parte acquosa concorrono al ricambio del liquido cellulare, apportando principi vitali e asportando tossine;

  • riempiono egregiamente quel buco nello stomaco causato dalla fame che ci fa ingozzare insensatamente di grissini o di pane prima ancora di iniziare pranzare;

  • lasciano un discreto senso di appagamento dell'appetito, evitando l'abbuffata al pasto successivo;

  • possiamo mangiarne praticamente quante ne vogliamo, senza calcoli di calorie e faticose restrizioni; anche se siamo a dieta per la verdura c'è il via libera.

Non sottovalutiamo infine la grande varietà di questo tipo di alimenti, offerti da ogni stagione e il cui apporto calorico è veramente modesto. E' vero che un eccesso di verdura può comportare inconvenienti in situazioni particolari, ma è anche vero che è più difficile esagerare con le verdure che con altri cibi. A volte il colore è indice di determinate proprietà e di caratteristiche nutritive particolari. Le verdure a foglia verde, per esempio, contengono vitamina C. I carotenoidi, precursori della vitamina A, sono presenti nelle radici gialle, quali le carote. Poiché il nostro organismo ha bisogno, per funzionare al meglio, anche della maggior varietà possibile di vitamine e sali minerali, un primo piatto di insalata mista ce ne assicura una buona dose giornaliera.

E' COMPLICATO COMBINARE BENE I CIBI?

Occorre invertire i termini della domanda: è indubbiamente più complicato digerire e assimilare cibi mal combinati. In positivo, le regole benefiche per il nostro organismo e la nostra linea si possono ridurre ad una sola: scegliere un solo piatto forte a pasto (un solo primo oppure un solo secondo) e accompagnarlo con una grande quantità di verdure crude e cotte nella maniera più varia.

Regole fondamentali:

  • All'interno dello stesso pasto non vanno consumati carboidrati e proteine: è meglio destinare i primi al pranzo e i secondi alla cena o viceversa.

  • Non bisogna abbinare nemmeno proteine e proteine: addio dunque, se già non l'abbiamo fatto, a uova e legumi, a carne e formaggi insieme.

  • Sarebbe meglio evitare anche carboidrati e carboidrati.

PROTEINE E PROTEINE

Perché non mescolare tra loro proteine di diversa provenienza, come uova e formaggi oppure legumi e carne? E' vero che tutte le proteine richiamano soluzioni acide (ambiente gastrico acido) per essere scisse negli aminoacidi costituenti, è però anche vero che la loro struttura è molto diversa, al punto da richiedere processi molto elaborati e differenziati per essere scomposta. La combinazione in aminoacidi della proteina dei legumi è molto diversa da quella del pesce o della carne piuttosto che dell'uovo. Sciogliere i legami esistenti tra aminoacidi in modo da renderli disponibili all'assimilazione richiede un impegno particolarmente laborioso da parte dell'apparato digerente. D'altronde questa operazione è indispensabile: se le singole unità proteiche non sono completamente scomposte nei loro micro-costituenti (gli aminoacidi, appunto) non ha luogo l'assimilazione. Come si può favorire questo lavoro? Proprio non complicando le cose.

IN ALTRE PAROLE, LA DIGESTIONE DELLE PROTEINE SI FAVORISCE:

  • evitando di associare più tipi di proteine (latte, e carne, uova e formaggio);

  • evitando la combinazione con i carboidrati (carne e cereali);

  • abbinando grandi quantità di verdure che, per il loro apporto in sali e vitamine, favoriscono l'azione enzimatica;

  • abbinando eventualmente piccole dosi di sostanze acide (qualche goccia di limone o aceto per condire le insalate di accompagnamento, del vino), allo scopo di accentuare quella presenza acidificante che favorisce la digestione delle proteine.

CLASSIFICAZIONE DEGLI ALIMENTI

Alimenti depuranti “puliti” e particolarmente raccomandati: frutta, verdura, cereali germogliati.

Alimenti meno facili (la loro digestione comporta sempre produzione di una certa quantità di tossine): cereali in chicco e derivati, latte e derivati, legumi, miele.

Alimenti da evitare (alimenti a più alta implicazione di squilibri digestivi e produzione di acidità): carni rosse, farine troppo raffinate, zucchero raffinato, salse conservate e marmellate.

QUALI SONO GLI ANTIDOTI ALL'ACIDOSI DIFFUSA?

Più verdura cruda e cotta, più frutta, brodi vegetali e associazioni alimentari corrette.

I medici tedeschi F.Biedermann e K. Rummeler affermarono già vent'anni fa che nella maggior parte dei casi va consigliata una dieta alcalogena, ricca cioè di cibi antiacidi. L'alimentazione moderna altera infatti l'equilibrio acido-basico del corpo, per la sovrabbondanza di carne, cibi raffinati e conservati, tutti notoriamente acidificanti. L'equilibrio acido-basico dell'organismo umano è importante per la nostra salute come la tensione di una rete elettrica di una città, spiega Rummel, se la tensione è eccessiva, può verificarsi una serie di inconvenienti, che vanno dall'inceppo delle valvole di sicurezza fino al black out.

In maniera analoga, se l'acidità dell'organismo è eccessiva si deterioreranno progressivamente gli equilibri interni e le funzioni dei singoli organi, fino alla comparsa di danni permanenti a carico degli stessi. Si pone allora il problema di controbilanciare la situazione critica con la dieta, introducendo molti alimenti disintossicanti ed evitando associazioni alimentari improprie.

COSA SUCCEDE ASSOCIANDO SCORRETTAMENTE GLI ALIMENTI?

  • Prolungamento della digestione: fino a 5 ore nello stomaco e oltre 70 nell'intero tratto gastrointestinale;

  • deterioramento del cibo ingerito per fermentazione e putrefazione;

  • scomposizione incompleta dello stesso, con permanenza di particelle non digerite;

  • moltiplicata produzione di scorie tossiche.

  • assimilazione solo parziale dei nutrienti;

  • spreco di energia dell'organismo, costretto a prolungare per ore la sua funzione più impegnativa;

  • sviluppo di disturbi e malesseri (aerofagia, flatulenza, acidosi, stanchezza e il classico torpore del dopo pranzo) fino al verificarsi di disturbi persistenti e cronici.

COSA SUCCEDE INVECE SE IL CIBO E' COMBINATO CORRETTAMENTE?

  • Completa e veloce disgregazione, assimilazione e utilizzo dei nutrienti;

  • aumento di benessere fisico e psichico, miglior equilibrio;

  • maggior efficienza ed energia: l'organismo è meno impegnato nella fatica digestiva;

  • migliore assimilazione e rafforzamento delle difese;

  • minor produzione di tossine e loro veloce smaltimento;

  • raggiungimento e mantenimento del proprio peso forma.

RIASSUMENDO

Perché non mescolare carboidrati e proteine?

  • I carboidrati complessi (cereali e derivati, patate...) necessitano di enzimi, acidità delle secrezioni gastriche e tempi di elaborazione diversi rispetto alle proteine;

  • quando sono presenti insieme nello stomaco questi principi nutritivi, inizia il primo conflitto;

  • i carboidrati semplici (contenuti in miele e frutta) in pratica non dovrebbero sostare nello stomaco; le proteine invece si, e a lungo.

Perché non mescolare proteine e proteine?

  • La digestione delle proteine è particolarmente laboriosa;

  • la loro struttura e composizione in aminoacidi è molto diversa (quella dei legumi piuttosto che quella della carne, quella del formaggio piuttosto che dell'uovo);

  • per sciogliere i legami all'interno delle diverse molecole proteiche e liberare gli aminoacidi costituenti sono necessari processi chimici differenziati e complessi;

  • gli aminoacidi non liberi non vengono assimilati e risultano perciò inutilizzabili.

Perché è meglio non mescolare carboidrati e carboidrati?

  • L'elaborazione degli zuccheri complessi inizia in bocca, per proseguire a lungo nello stomaco e infine nell'intestino;

  • i carboidrati semplici devono invece raggiungere velocemente l'intestino tenue, dove vengono trasformati in glucosio e quindi assimilati;

  • introducendo più tipi di carboidrati complessi (patate, cereali, pane ecc.), è facile oltrepassare il fabbisogno specifico di questi alimenti.

Bibliografia: Rimedi naturali, 2001, “Combinazioni alimentari. Salute è...associare correttamente gli alimenti”,, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze su licenza di Demetra srl.

Per maggiori informazioni, e/o per prenotare il tuo check up quantistico, contattaci senza esitare. Saremo lieti di aiutarti.

Le informazioni qui riportate hanno solo il fine di operare una informazione, non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici.

 Operatore specializzato Luigina Bernardi

Articoli che potrebbero interessarti

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social con i tuoi amici