Dieta: la chiave vincente

L'acqua, rimedio preventivo ed efficace

E' impossibile mantenersi in salute senza consumare acqua, il liquido più diffuso in tutto il mondo, il più indispensabile per una vita migliore. Dall'acqua ha avuto origine la vita. Costituisce l'elemento base del nostro organismo. Per il 65/75% siamo infatti composti essenzialmente di acqua (il quantitativo scende al 45% nei casi di obesità) . Se è possibile digiunare anche per lunghi periodi senza subire necessariamente gravi conseguenze, bastano 2 - 4 giorni senza acqua per incorrere in serie problematiche metaboliche, persino la morte, e comunque perdite del 15/25% sono sempre giudicate fatali. L'importanza dell'acqua viene anche dimostrata dal fatto che la sua presenza decresce con l'età. L'idratazione è uno dei parametri principali per determinare la nostra età biologica e più si è disidratati, più si è anziani; infatti l'anziano (50%) è più disidratato rispetto all'adulto (70%) e al bambino (80%).

L'acqua nel nostro corpo

Il nostro corpo è fatto per il 70% di acqua alcalina, i nostri occhi per il 98%, il sangue per il 94%. Pertanto noi dovremmo rifornire tutte le parti del corpo di una grande quantità di questo componente fondamentale. Ciò include i cibi ricchi di acqua alcalina, come gli ortaggi verdi e la frutta, e la stessa acqua alcalina, ricca di elettroni. Il 75% delle persone sono disidratate, cioè non assumono i 2 litri di acqua al giorno che sono il minimo per mantenersi in buona salute. In media, ogni persona ingerisce solo un litro di liquidi al giorno o anche meno, spesso sotto forma di caffè, tè e bevande analcoliche che praticamente rubano acqua all'organismo. Addirittura il 10% delle persone riferisce di non bere acqua per niente! E questo è molto pericoloso, se si pensa che l'adulto medio perde giornalmente dai 2,5 ai 3 litri di liquidi sudando, respirando, urinando, muovendosi, dormendo. Se non si assume acqua a sufficienza si ingrassa, perchè il metabolismo rallenta. Inoltre, siamo così poco sintonizzati con i segnali di sete dei nostri corpi da interpretarli come morsi di fame, il che vuol dire che se non beviamo abbastanza mangiamo troppo. Se non assumiamo abbastanza acqua, aumenterà la ritenzione idrica, perchè un corpo acido spinge acqua nei tessuti per provare a neutralizzare gli acidi che vi si trovano. Infatti, l'organismo utilizza l'acqua per neutralizzare gli acidi, per diluirne l'eccesso e per rimuoverli dal corpo (insieme a tutte le tossine) tramite l'urina, il sudore e le feci. Senza acqua a sufficienza il corpo diventa troppo acido e passa in modalità di preservazione, producendo solo tessuto grasso; basta solo una piccolissima quantità pari al 2% di perdita di fluidi corporei (come avviene ad esempio durante un'ora di attività fisica media) perchè ciò accada. Quali sono i segnali che ci invia l'organismo quando siamo disidratati La mancanza d'acqua è la prima causa del senso di fatica durante la giornata, perchè la carenza di energia ci fa sentire stanchi e deboli. Una perdita d'acqua del 3% causa una discreta perdita di forza muscolare, mentre una diminuzione di acqua corporea del 4% provoca confusione, problemi alla memoria a breve termine, difficoltà di attenzione e determina un calo del 30% della capacità di svolgere mansioni fisiche. Una perdita d'acqua del 5% crea problemi di concentrazione, sonnolenza, impazienza, vertigini ed emicranie (uno dei più comuni segnali di disidratazione, insieme alla pelle secca). Nelle primissime fasi, la disidratazione provoca ansia, irritabilità, depressione, compulsione verso i dolci, crampi muscolari. Quando diventa più consistente, si hanno reflusso gastro-esofageo, dolori alle articolazioni, fibromialgia, stipsi, colite. Ad una grave disidratazione sono connessi asma, allergie, diabete, ipertensione, eczemi, acne. Tutte le condizioni degenerative croniche, incluse l'obesità patologica, le malattie cardiache e i tumori sono collegate ad una disidratazione di lunga data. In sostanza, la mancanza, la mancanza di acqua ci può uccidere. Questo è il motivo per cui non si può arrivare a vivere 72 ore senza acqua. Chi beve regolarmente consente il normale funzionamento del proprio corpo in ogni ambito, dalla regolazione della temperatura all'evacuazione delle tossine, alla lubrificazione delle articolazioni e alla metabolizzazione dei grassi. L'acqua aiuta i processi di tutte le attività biologiche, meccaniche e chimiche che hanno luogo nel corpo, protegge gli organi vitali ammortizzandoli, trasporta i nutrienti in ogni cellula e ne allontana le scorie acide.

Gli ulteriori benefici di essere idratati

I polmoni necessitano di acqua per umidificare l'aria che viene inalata, il sistema digerente utilizza ogni giorno molta acqua per attuare il processo digestivo, il cervello ha bisogno di acqua per funzionare, il pancreas utilizza l'acqua per alcalinizzare il cibo che fuoriesce dallo stomaco per entrare nel duodeno. L'acqua mantiene morbida ed elastica la pelle, inalza l'ossigeno del sangue e migliora la comunicazione tra le cellule. Studi americani di importanti associazioni dietetiche hanno dimostrato recentemente che chi beve più di 2 litri di acqua al giorno ha il 45% di rischio in meno di cancro al colon, il 50% in meno di tumore alla vescica e addirittura il 79% in meno di carcinoma mammario. Altri studi scientifici dimostrano che la quantità di 2 litri di acqua al giorno riducono significativamente i dolori alle articolazioni e alla colonna vertebrale in più dell'80% delle persone che ne soffrono. Alcuni ricercatori tedeschi hanno scoperto che bere ogni giorno acqua sufficiente per le capacità metaboliche dell'organismo aumenta la velocità di combustione delle calorie, al punto che in 1 anno si può arrivare ad avere la perdità di circa 2,5 Kg di peso corporeo. L'idratazione migliora il flusso di elettricità del vostro corpo. La ricerca scientifica ha dimostrato che la corrente elettrica, note come biocorrentis, circolano continuamente attraverso il corpo. Il sistema nervoso del corpo conduce segnali elettrici mentre trasmette le informazioni attraverso il corpo. Anche le proteine sono semiconduttori naturali. La conduzione di elettricità nel corpo diminuisce con la disidratazione del corpo stesso. I meridiani sono i canali di cistalli d'acqua caricati elettricamente ed è necessaria l'idratazione per favorire il flusso di energia attraverso il corpo.

E' bene ricordare che l'acqua non ingrassa perché non fornisce calorie.
Chi segue un regime dietetico non solo può bere liberamente, ma dovrebbe addirittura incrementare l'apporto di acqua, che oltre a favorire l'eliminazione di scorie e tossine, conferisce un modesto senso di sazietà se assunta fuori dai pasti: per quest'ultimo motivo viene consigliata nei casi di sovrappeso o di obesità.

Si consiglia di bere con moderazione durante i pasti e di sorseggiare invece quanta acqua si desidera nell'arco della giornata.

Bere fa parte del nostro mangiare

L’idratazione, infatti, è una delle parti fondamentali della nostra alimentazione. L’acqua è un nutriente essenziale, anche se troppo poco spesso ce lo ricordiamo, perché la quantità prodotta con il metabolismo (circa 350 ml/giorno) non è sufficiente a coprire il nostro reale fabbisogno quotidiano. Il bilancio idrico dipende dal mantenimento dell’equilibrio tra il volume d’acqua in entrata e quello in uscita dall’organismo. La disidratazione diminuisce il volume plasmatico della cellule, l’attività cardiaca, la sudorazione, il flusso ematico cutaneo, la capacità di resistenza. L’uomo può sopravvivere senza cibo anche per alcune settimane, ma senza acqua non si vive più di qualche giorno: essa è indispensabile per la vita! In poche parole, tutti gli sforzi che si compiono per stare in forma, da un punto di vista del fitness, dell’alimentazione e della cura del corpo, potrebbero essere annullati o diminuiti dalla condizione di scarsa idratazione. Bere poco e male, dove per bere s’intende alimentarsi con acqua, verdure e frutta e non succhi di frutta, vino, birra o bibite gassate e zuccherate, peggiora lo stato dermo-estetico, danneggia i reni, aumenta la ritenzione idrica e peggiora lo stato di cellulite, provoca secchezza della pelle e abbassamento delle difese immunitarie. La disidratazione, ad esempio, interessa tutti i tipi di pelle e, benché la pelle secca vi sia più soggetta a causa della mancanza di lipidi (che idratano i tessuti e trattengono l’acqua), anche una pelle grassa può disidratarsi.

Le 8 regole d’oro sull’idratazione

  1. Ricorda di bere sempre al mattino a digiuno uno o due bicchieri d’acqua a temperatura ambiente, depura l’organismo e stimola l’attività diuretica dei reni dopo la lunga pausa notturna;
  2. Bevi sempre un po’, lontano dai pasti e non aspettare che sia la sete a farti bere, per compensare la normale perdita di liquidi del corpo e permettere il buon funzionamento di tutte le funzioni vitali;
  3. L’acqua non fa mai male ed essendo un alimento a zero calorie non fa assolutamente ingrassare;
  4. Non bere meno di 1,5-2,5 litri di acqua naturale al giorno;
  5. L’acqua è uno dei migliori strumenti per dimagrire, prima di tutto perché prende il posto di tutte le altre bevande, come quelle gasate, i succhi di frutta o gli alcolici, che sono una fonte nascosta di calorie. È poi un buon modo per diminuire l’appetito e spesso quando pensiamo di avere fame in realtà abbiamo sete. L’acqua non ha né grassi né calorie, va dunque bevuta in abbondanza durante una dieta;
  6. Bere una buona quantità di acqua favorisce la diminuzione del rischio cardiaco. Uno studio di 6 anni pubblicato nel Maggio del 2002 dall’American Journal of Epidemiology ha dimostrato che coloro che bevono più di 5 bicchieri di acqua al giorno avevano, durante il periodo dello studio, il 41% di probabilità di meno di subire un infarto di coloro che bevevano meno di 2 bicchieri di acqua al giorno;
  7. Un altro sintomo della disidratazione è la cefalea, infatti spesso questo sintomo è legato semplicemente ad un diminuito introito di acqua. Chiaramente le cause possono essere tantissime ma la disidratazione è una causa abbastanza comune;
  8. Bere una buona quantità di acqua è stata correlato ad una diminuzione del 45% del rischio di cancro al colon. Bere molta acqua può anche diminuire il rischio di cancro alla vescica e al seno.

Soluzioni olistiche efficaci

La soluzione più innovativa è senza alcun dubbio il Check Up di biorisonanza quantistica che rileva soprattutto se siamo idratati o in acidosi, quindi il pH, ma anche l’ossigenazione, l’energia dell’organismo, l'idratazione dell'organismo, i nostri punti deboli, le intolleranze alimentari, e quanto altro.

Per maggiori informazioni e/o per prenotare il tuo check up quantistico CONTATTACI senza esitare. Saremo lieti di aiutarti.

Le informazioni qui riportate hanno solo il fine di operare una informazione, non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici.

Operatore specializzato Luigina Bernardi

Bibliografia e altre fonti

1) Robert O. Young, PhD Shelley Redford Young, “Il miracolo del pH alcalino” – Bisedizioni, a. 2010; Prof. Ivo Bianchi, “Medicina Naturale”, Volume 2 – Ed. Mos Maiorum 2°, a. 2011;

2) Dr. Francesco Oliviero, “Manuale del Ben-essere” – Nuova IPSA Editore, a. 2013;

3) Patrick Vèret, Yvonne Parquer, “Manuale di Nutripuntura Fisiologia e informazione cellulare” – Ed. Tecniche Nuove, a. 2007.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Approfondimenti sulle soluzioni consigliate nell’articolo

Informazioni aggiuntive