SWEET CHESTNUT: per chi pensa di essere arrivato allo stremo

Per quei momenti in cui l'angoscia è così grande da sembrare insopportabile. Quando si sta per cedere.

Sintomi chiave: tendenza alla disperazione profonda. Si ha l'impressione di aver raggiunto il limite.

Problemi fisici frequenti: obesità, anoressia, amenorrea, artrite reumatoide, paresi, sterilità.

 

Il rimedio floreale

Riaccende la luce interiore e aiuta ad uscire dal tunnel della disperazione; per bambini e adolescenti timidi, apprensivi, che urlano improvvisamente nel buio, che si vergognano e si appartano in un angolo.

Come posso sapere di aver bisogno di Sweet Chestnut?

La persona che ha bisogno di Sweet Chestnut, soffre molto dentro di sé perché le sembra che la vita della sua stessa anima sia in pericolo; in effetti pensa di aver raggiunto i limiti della propria capacità di sopportazione. E’ disperata al massimo grado. Non riesce più a vedere un futuro migliore. Prova, ed esprime, solo disperazione, angoscia e solitudine.

Caratteristiche principali

Angoscia estrema, desolazione assoluta.

Come può aiutarci

Aiuta ad attraversare le fasi di trasformazione dolorose, senza arrendersi o spezzarsi. Sweet Chestnut solleva la cortina di disperazione che soffoca la persona, in modo da farle ritornare la fiducia.

Bambini

E' utile a quelli che per un disguido si ritrovano soli, e pensano di essere abbandonati ed a quelli che per un motivo o l’altro, vengono presi da una profonda disperazione.

Suggerimenti

Meditare sul principio dell’apprendimento attraverso la sofferenza su questa terra, e sul concetto della sofferenza redentiva. Concedersi delle pause di riposo, nella luce e nella natura.

La descrizione del dr. Bach

“Per quei momenti in cui, per alcune persone, l’angoscia è così grande da sembrare insopportabile. Per quando la mente o il corpo, sentono di essere arrivati al limite della sopportazione e stanno per cedere. Quando sembra che non resti altro che distruzione e annientamento da affrontare.” (tratto da I Dodici Guaritori e altri rimedi)

Bibliografia:

1)Tratto da: Il corso pratico delle cure naturali 2° volume – 2010 – Edizioni Riza;
2)Sito web www.fisicaquantistica.it

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social con i tuoi amici